papa-francesco-oltraggi

Cristiani, non reagite: siate umili dinanzi agli oltraggi!

April 17, 2015|Posted in: Notizie

Durante l’omelia odierna, venerdì 17 aprile, Papa Francesco ha chiesto a tutti i cristiani di saper reagire alle provocazioni e ai cattivi pensieri senza lasciarsi prendere dalla tentazione della violenza. Come ci suggerisce la Prima Lettura (At 5, 34-42), infatti, dobbiamo saper essere in grado di dare “tempo al tempo” in maniera tale che proprio il tempo possa far sbollire gli animi e permettere allo Spirito Santo di creare la pace.

Dare “tempo al tempo” serve perciò a noi ogni qualvolta abbiamo cattivi pensieri contro altri, ma “il tempo ci fa anche vedere il giusto delle cose e mette le cose in armonia – ha chiarito il Papa – perchè mentre tu reagisci nel momento della furia, è sicuro che sarai ingiusto. Sarai ingiusto. E farai anche molto male a te stesso”.

Chi non dà modo al tempo di agire, in sostanza, apre le porte all’orgoglio ovvero a quel sentimento che crea dolore, sofferenza e umiliazione. E da buoni cristiani, più che abbandonarci all’orgoglio, dovremmo imparare ad abbracciare il sentimento opposto che risponde al nome di umiltà. A “quell’umiltà, anche umiliazione, che porta a somigliarci a Gesù”.

In sé e per sé l’umiliazione non è bella, anzi, potrebbe sembrare un atto di puro masochismo. Ma se la pensiamo in altri termini l’umiliazione è invece quell’approccio che ci permette di avvicinarci a Gesù. Dinanzi agli oltraggi i cristiani devono quindi scegliere tra due possibili alternative: “quella della chiusura che ti porta all’odio, all’ira e al voler uccidere gli altri; o quello dell’apertura a Dio e alla strada di Gesù che ti fa prendere le umiliazioni, anche quelle forti, con questa letizia interiore perchè stai sicuro di essere sulla strada di Cristo”.

Leave a Reply

*



You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>